Expo 2015 il Padiglione del Vino Italiano, un luogo da vip al pari dei vini che saranno in vetrina

Parte con il piede giusto l’expo 2015.
Sotto il profilo enologico, è infatti la prima assoluta, per una esposizione universale, quella di dedicare un padiglione a sé stante al vino. Quando l’Italia si impegna sa essere precorritrice e quando si tratta di vino, le anteprime le escono che è una meraviglia, è questo il caso del nostro padiglione: “Vino-a taste of Italy”
Gran regista delle attività all’interno della struttura è Riccardo Cotarella, il quale presiede lo staff composto dal comitato scientifico del Ministero delle Politiche Agricole.
L’inaugurazione ufficiale del padiglione si svolgerà sabato 23 Maggio alla presenza del Ministro Martina, che peraltro lo ha già visitato il 2 Maggio, a poche ore dall’apertura del Expo 2015.
Il nostro padiglione sembra già riscuotere un notevole successo e si candida ad essere il baricentro di tutta l’esposizione universale, questa affermazione è supportata dal fatto che già durante la prima giornata dell’evento espositivo, tutti i personaggi più importanti presenti all’Expo, ne hanno varcato la soglia.
Un luogo incantevole, uno scrigno del vino da dove pubblico e V.i.p. devono necessariamente passare. Realizzato su progetto dell’architetto Italo Rota, il Padiglione del Vino Italiano, nei sei mesi di apertura, offrirà al pubblico di tutto il mondo una panoramica così ampia del nostro vino e della nostra agricoltura enoica, che ha già lasciato di stucco l’Ambasciatore americano in Italia Phillips, che ha dichiarato: “Non ho mai visto tante etichette in un solo luogo. Il vino italiano è molto apprezzato e diffuso negli Stati Uniti d’America e personalmente amo molto i vini friulani perché i miei nonni materni erano originari di quella regione”.
Il Ministro Martina, oltre ai complimenti dispensati a chi ha permesso di realizzare una così grande opera, ha lasciato accanto alla statua di Giulietta, un bigliettino con su scritta una celebre frase di Mario Soldati:
“Il vino è la poesia della terra”
Ambasciatori, politici, imprenditori, come ad esempio Aurelio De Laurentis, i grandi nomi del vino mondiale del calibro di Josè Rallo e Leonardo de’ Frescobaldi.
Tanti sono i nomi eccellenti entrati nel padiglione dell’esperienza vitivinicola italiana.
La tv principale di Pechino ha già realizzato uno speciale, ma moltissimi saranno i riflettori che nei sei mesi dell’expo illumineranno le etichette del bel paese.

“Vino is great, vino is pleasure” come ha detto il Ministro dell’economia Pier Carlo Padoan all’interno del Padiglione del Vino Italiano, durante un brindisi inaugurale.

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*