I giovani vignaioli non arretrano davanti alla crisi-Coronavirus. Giada Vellia della cantina veneta Gilli: “importante studiare situazioni e soluzioni”.

Dal Piemonte Paolo Vergnano, di Cantina Vigna Lisa, punta sulla diversificazione: “ci sono stati spostamenti dei canali distributivi, bisogna interpretarli”.

 

 

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*